Archivi tag: metafore

Apartment story

Comincio a pensare che ci sia uno spazio
Per il riconoscersi dei tratti peculiari
Per un bacio quando vorresti dormire ancora
Per una porta che apri tu, quando sai che mi manca l’equilibrio
Per ripetere le cose che hai già detto
Per peccare di ingenuità
Farsi riconoscere dai baristi
Essere corrucciati e accorgersi comunque di chi hai a fianco
(Che poi è la cosa migliore, la migliore di tutte)
La solidarietà per le persone goffe
Ah volevo ben dire

E quindi metto i chilometri tra me e i pensieri
Lascio le sensazioni a decantare
Me ne vado nella pianura
Nella casa piena di risate, due anni dopo
A vedere che succede
Ché le cose belle, se sono vere, ti aspettano
(Un po’ come noi)

So worry not
All things are well
We’ll be alright
We’ll have our looks
And perfumes

Perché a me gli amori imperfetti mi commuovono
Da sempre, eh.

Lascia un commento

Archiviato in home made

But the fighter still remains

Confusa e felice cantava qualcuna
E i cali di pressione in fatiscenti uffici pubblici ti fan sentire un po’ così
“Oddio signorì, ma che è incinta?”

Sole invernale
Tutto è colorato di questa luce magica
E noi fermi e in movimento sempre
E noi e gli occhi intelligenti
E non mi farò mai più le storie con quelli più giovani di me
Ma ogni tanto è divertente sovvertire

Crederò a qualcuno prima o poi
Sperando di cascare in piedi

Intanto non so se mi restauro o mi consumo
Ma non è vero sempre?

…still a man hears what he wants to hear and disregard the rest.

1 Commento

Archiviato in home made

Nibali.

Che non si capisce perché in queste pagine, di elucubrazioni allo specchio, qualche idillio e qualche, più rara, riflessione sistemica, debba trovar spazio un titolo così.

Ma un po’ è nostalgia di un tempo che sembra lontanissimo. Un tempo di pomeriggi davanti ad esercizi di matematica complicata, per sottofondo la telecronaca e la sperimentazione, per me sempre nuova e travolgente, di come guardare lo sport con un tifoso trascini nell’arena anche te, semisconosciuta a questi saliscendi in bicicletta. Se non fosse per il mio nonno paterno, che i pomeriggi d’estate, da bambina, guardavo fissare il pirata sullo schermo, seduto a trenta centimetri dalla tivù.

E un po’ è metafora del tempo attuale, il titolo, quel nome, come le corse e la fatica e i traguardi che arrivano, dietro la curva, quando ormai ti eri dimenticata di aspettarli. Arrivano e mi trovano gioiosa, lo stomaco distrutto dagli antibiotici, la testa che non riesce a stare ferma su una cosa sola.

Mancano tre giorni alla mia estate.

7 commenti

Archiviato in home made

Amor particolare.

Primavere autunnali si definiscono a partire da aggettivi con qualche pretesa di troppo.
Ne sono innamorata in un modo tutto particolare
mi dice B., condividendo riflessioni su skype condite di videochiamate saltellanti.

E io che ne so, che ormai mi sento come una vecchia saggia consigliera, dall’alto del mio eremo che consente una lettura distaccata degli eventi. Che ne so, che mi sento un maglione di quelli da casa, quelli morbidi ma di colori orribili, che li metti pure se hanno i buchi perché ti fanno compagnia.

Io che ne so, dell’amor particolare, mentre mi sembra che tutti e tutte caschino nella rete e si sentano gli unici al mondo, quando sono tanti, e io lo so perché li vedo, li guardo, per la strada, sull’autobus, sulle scale dell’università, sono tanti e sono tutti, meravigliosamente, uguali. La luce negli occhi, e i baci e la comprensione, più di tutto. Io che ne so, neanche mi ricordo che vuol dire, quell’abitudine di un corpo vicino al tuo, la comunicazione non verbale, l’intimità.

Sto, osservo, tengo tutti a distanza e mi sento goffa e onnipotente allo stesso tempo, ché se volessi tutto potrei, il problema è che non voglio.

Quello che voglio, in realtà, è prendere il tram e scendere alla fermata in quella piazza trafficata, camminare a testa bassa, non suonare il campanello con quel cognome elegante, ma entrare a caso e salire di corsa quattro piani di scale e sedermi fuori dalla porta, bianca, e aspettare. O andare a bere una birra in uno dei miei pub preferiti, quello dove una volta dicevo vado a rimorchiare, e nessuno mi credeva. E sedermi lì, e aspettare. Tanto lo so, che prima o poi arrivi.

7 commenti

Archiviato in home made

Di inizi che non son nuovi, né rose, forse, ma sono.

Gli eventi scorrono fluidi, nel complesso, anche se a chi ci sta dentro non sembra. E’ un po’ come il traffico, che a vederlo da fuori è lento e in costante evoluzione, mentre a starci dentro ti sembra di non muoverti mai.

Percepisco pensieri, li ho percepiti in tutti questi mesi, e dicevano cose che sembravano tutto sommato poco probabili, lontane. Ho scoperto che sono veri, sono sempre stati veri, in un guazzabuglio di altre cose che non avevo previsto, che non sapevo, e che erano vere, anche quelle.

In una serata ho osservato universi diversi, ho incrociato Floris su un pianerottolo, ho visto da vicino le vite di tanti coetanei così lontani, con l’anello al dito e i bambini in braccio, con la fede, dicono così. Ho confessato i pianti e ho osservato, più ad est, dei festeggiamenti che sembravano la descrizione universale della parola ‘coatti’.

Ho fatto capriole tra mondi interiori ed esteriori, ho nutrito il demone invece di mettere la testa di Idra sotto il sasso, ho visto tanto e ho celebrato il mio tornare alla vita con un bicchiere di vino rosso.

Ho tante domande, ma ho ricominciato a vivere. E Roma, come sempre, è il posto più bello per farlo.

‘Come l’ha visto tu, tutto quello che c’era, l’ho visto anch’io ‘
‘Quindi non sono matta’
‘No’
‘E cosa devo fare?’
‘Bella domanda’

Vedi mai una stella cadere
E non ricordi cosa desiderare?
Non c’è niente dentro me, qui a Varanasi
Perché dentro ci sei tu.

Parto.
E’ tutto pronto.

5 commenti

Archiviato in home made

Born to be blue

When I met you
the world was bright and sunny
when you left the courtain fell
I’d like to laugh
but nothing strikes me funny
now my world’s a faded pastel

I guess I’m luckier than some folks
I’ve known the thrill of loving you
and that alone is more
than I was created for
‘cause I was born to be blue

E’ solo che sono stanca, e affaticata, e mi sembra di non poter sperare più. E mi sembra che non ci sia una fine (anche se i traguardi, quelli belli e quelli attesi, sono vicini). E mi sembra di vedere solo porte chiudersi, anche se so che a parlar così è la stanchezza, non io. Non succede niente di male. E domani andrò a strappare una strada aperta. Perché io lo so, che me la merito.

2 commenti

Archiviato in home made

La prima volta

Il primo concorso della vita (suppongo) è qualcosa che si ricorda, negli anni.

C’erano i compiti troppo, troppo facili, cosicché se per disattenzione o qualche altro motivo hai una defaillance rischi di giocarti la chance più importante. C’ero io con la valeriana e l’acqua Ferrarelle che, a 2 ore e 45 dall’inizio, ho pensato ‘non mi sono impanicata di brutto, ancora, poteva andare peggio’ (è successo un’ora dopo, ndr). C’erano le polemiche che quelli delle ultime file avessero lo smartcoso con internet e potessero copiare, e la commissione che fa? Dorme, che devono esser buoni. Dorme, che vuoi che faccia?

Insomma non sono soddisfatta, ma neanche tremendamente delusa, e per gli esiti di questa prima prova si deve aspettare dieci giorni e, a giudicare dalla nottata, mi aspettano notti a svegliarmi all’improvviso accorgendomi di errori fatti nel compito, nel bel mezzo di sogni (quasi) rassicuranti popolati di un universo di colleghi, tra i quali il più carino mi trascina in una camera e fa l’amore con me. E il più carino di loro, comunque, a me non piace. E’ che l’universo limitato produce distorsioni.

Domani ci si riprova, altro giro, altra corsa.

L’idea che ottobre debba continuare così, fino alla fine, mi destabilizza assai. Ma almeno è arrivato. E per la centesima volta posso dire, speriamo passi presto.

6 commenti

Archiviato in home made